«O Roma, mia patria, città dell’anima» George Byron, 1817

Prezzo

170,00

Descrizione

Roma è stata da sempre musa ispiratrice di artisti, scrittori, poeti, vissuta con stupore e meraviglia, come seconda patria, come meta romantica, come luogo di vestigia e di “ruine” e anche subita con la sua decadenza, con le stratificazioni della storia che conducono il sommo Ungaretti al sentimento del vuoto. Dallo sguardo del poeta latino, alle scoperte inesauribili di Winckelmann, dal fermento del Grand Tour alle storie di periferia di Pasolini, dal suono dolce delle parole romantiche di Keats, al “plurilinguismo” del “Pasticciaccio brutto di Via Merulana” di Gadda. Un viaggio nell’arte che segue come filo conduttore la scrittura in ogni sua forma, dal diario alla poesia, dal romanzo alla sceneggiatura, ritrovando il suono delle parole che hanno dato vita alle grandi pagine della letteratura. Partiremo dagli scrittori latini “vedo le mura e gli archi” iniziando con la visita al Museo di porta S. Sebastiano (letture di Rutilio Namaziano, costretto dalle invasioni dei Visigoti ad abbandonare Roma); dal “Viaggio in Italia” di Goethe e la sua casa di via del Corso per passare ai luoghi amati dallo scrittore: il Caffè greco, Trinità de’ Monti; la Casa Museo di John Keats a Piazza di Spagna. Parleremo dell’amore di Goethe per l’antico: il Pantheon, l’Appia Antica; le Terme di Diocleziano e di Caracalla. Visiteremo i luoghi del Grand Tour. Parleremo del mito di Roma nella letteratura del marchese De Sade e del suo amore per Bernini e Maderno; della poesia leopardiana “All’Italia” nel Museo delle Mura di Porta San Paolo; delle “Passeggiate romane” di Stendhal; di Gogol e i luoghi della comunità russa; dei nazareni al Casino Massimo e a San Paolo dentro le mura; delle “Odi barbare” del Carducci nel Museo di Porta San Pancrazio; della Roma dannunziana tra Palazzo Altemps, Palazzo Zuccari e Trinità de’Monti; della Roma umbertina, degli “Indifferenti” di Moravia; di via Merulana e del “Pasticciaccio” di Gadda (Palazzo Brancaccio); dei luoghi pasoliniani, i quartieri della filmografia, il Pigneto, la Garbatella; dei caffè letterari dove si riuniva la Scuola romana e del rapporto con Ungaretti; del razionalismo EUR dove Antonioni ha ambientato la storia di “L’Eclisse”; dell’Altare della Patria usato per la sceneggiatura del film “Il ventre dell’architetto” del regista Peter Greenaway. Primo appuntamento: venerdì 22 ottobre 2021 alle ore 10,30 al Museo di Porta San Sebastiano in Via di Porta San Sebastiano, 18

Informazioni organizzative

Informazioni aggiuntive

codice corso

68353

giorni

venerdì

indirizzo sede

siti archeologici, musei e altri luoghi di interesse storico e artistico

durata lezione

120

ora lezione

10:30

data-fine-corso

18/02/2022

data inizio corso

22/10/2021

posti disponibili

2

fascia oraria

Mattina

area

Municipio 1°

uid

48564

zona

Centro Storico

sede

Itinerante

tipologia

Corso

periodicità

1

numero di lezioni

15

cap
mese inizio corso

ottobre

docente

Sabrina Marenzi

Pacchetto
Shopping cart
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
0